90 ALLEATI PER LA DIFESA IDRAULICA DEL TERRITORIO

14 giugno 2021

Tante le imprese agricole pronte a lavorare con il Consorzio di Bonifica 2 Alto Valdarno per realizzare gli interventi di manutenzione ordinaria da completare entro il 31 dicembre 2021 Dai primi di luglio via ai cantieri sui corsi d’acqua di tutto il comprensorio Le aziende che non hanno ancora presentato la candidatura potranno farlo senza interruzioni: l’albo viene aggiornato annualmente, a fine gennaio, in modo automatico e ha validità fino al 2026 L’alleanza agricoltura-bonifica è frutto della forte collaborazione tra l’ente e le organizzazioni professionali di categoria

Cinque ditte singole, tre cooperative e 82 imprese associate in 36 Ati (associazione temporanea di impresa).

Sono 90 complessivamente le realtà  che, afferrando    al volo l’occasione offerta dal Consorzio di Bonifica 2 Alto Valdarno, si sono candidate a collaborare con l’ente nell’attività di manutenzione ordinaria dei corsi d’acqua, indispensabile per prevenire il rischio alluvioni e allagamenti.

Ancora una volta, quindi, il miglioramento della difesa idrogeologica, nel comprensorio dell’Alto Valdarno, si coniuga con la possibilità, per il mondo agricolo, di integrare il reddito aziendale: una chance ancora  più importante, in questo periodo segnato dal COVID 19 e dalle misure di contenimento dell’epidemia sanitaria, che hanno fortemente penalizzato la performance delle tradizionali attività complementari (dalle degustazioni all’agriturismo) preziose per rimpolpare gli incassi.

La proposta di collaborazione offerta dal Consorzio rappresenta quindi una boccata di ossigeno. A dimostrarlo la massiccia adesione delle imprese che, requisiti alla mano, si sono fatte avanti per ottenere l’affidamento delle lavorazioni di sfalcio e taglio della vegetazione, riprofilatura e ripristino delle sezioni e dei rilevati arginali, inserimento di opere di ingegneria naturalistica a difesa delle sponde dissestate; chiusura di eventuali tane di animali: lavori già  programmati nel piano delle attività 2021, che prenderanno il via nei primi giorni di luglio per concludersi entro il 31 dicembre.

“La scelta del Consorzio è ancora una volta quella di lavorare in stretto rapporto con le imprese agricole del territorio. Con questo obiettivo, nello scorso mese di marzo, abbiamo riaperto l’albo per la raccolta delle candidature delle realtà in possesso di alcuni requisiti, per noi, strategici. Il primo: avere sede legale in uno dei 54 comuni del nostro comprensorio. Queste fidelizzazione con il mondo agricolo è estremamente importante per il Consorzio. Significa infatti avere una partnership con  soggetti che conoscono bene il territorio e i corsi d’acqua che lo attraversano. Inoltre permette di dare alle imprese la possibilità di integrare in modo significativo il reddito, incentivandole a continuare la loro attività e, con essa, a svolgere una importante azione di presidio e controllo dell’area in cui insistono e operano”, spiega Serena Stefani, Presidente del Consorzio di Bonifica 2 Alto Valdarno.

Nel tempo il meccanismo si è rodato e consolidato. Adesso anche le modalità di candidatura sono più semplici rispetto al passato: all’inizio le richieste venivano presentate in forma cartacea, dall’anno scorso sono completamente dematerializzate.

Dal 2021 inoltre tutte le procedure sono state migliorate e affinate con l’introduzione di molte  novità. La più significativa è che la domanda non dovrà essere ripresentata con cadenza annuale.  L’albo rimarrà valido fino al 2026 e potrà essere aggiornato e corretto in progress.

“Le aziende interessate avranno la possibilità di presentare la propria candidatura senza interruzioni per cinque anni.  Ogni anno, alla fine di gennaio, prima di affidare  gli incarichi, il Consorzio, aggiornerà automaticamente l’elenco. In questo modo le aziende saranno facilitate, nel rispetto dei necessari presupposti giuridici”, spiega la dottoressa Beatrice Caneschi, dirigente dell’area amministrativa dell’ente.

“L’alleanza agricoltura-bonifica è frutto della  forte sinergia tra l’ente e le organizzazioni professionali di categoria che, a breve, si incontreranno per condividere gli aspetti operativi della prossima campagna di manutenzione dei nostri corsi d’acqua”, conclude Stefani.

Le imprese agricole  interessate intanto possono continuare a proporsi, consultando il regolamento e le modalità di iscrizione pubblicato sul sito istituzionale del Consorzio all’indirizzo www.cbaltovaldarno. Le candidature inserite entro il 31 gennaio 2022 saranno  prese in considerazione per l’affidamento delle lavorazioni programmate per il 2022.

I lavori

Valdarno Casentino Valtiberina e Marecchia Foglia Arezzo Valdichiana

CIVISCHIANA

Previsioni Meteo

ANBI

ANBI Toscana

Consorzio 2 Alto Valdarno via E. Rossi 2/L - Arezzo (AR) 52100 - CF. 02177170517 - Telefono: +39 0575 190 02 - Fax: +39 190 02 99
Email: [email protected] - Web: http://www.cbaltovaldarno.it

Powered by Arezzo Telematica spa