SPETTACOLARE MESSA IN SICUREZZA DELL'ARNO

17 dicembre 2020

Rinviato più volte per condizioni meteo sfavorevoli e a causa dei rilasci delle dighe Enel, finalmente il Consorzio 2 Alto Valdarno è riuscito a realizzare il delicato intervento sul fiume La rimozione delle alberature, in un punto dove la sponda dell’Arno è difficilmente raggiungibile, ha reso necessario lo schieramento di mezzi meccanici, tree climber e piccoli natanti Serena Stefani (Presidente CB2): “Dietro ad ogni attività c’è uno studio accurato e un’attenzione altissima per riuscire a coniugare sempre e comunque la sicurezza con il rispetto e la tutela dell’ambiente. Un impegno al quale l’ente non abdica neppure quando le situazioni sono particolarmente complesse”

Complesso dal punto di vista operativo e organizzativo, ma anche scenografico e inusuale, l’intervento sull’Arno  è perfettamente riuscito.

Dopo una lunga serie di rinvii a causa di condizioni meteorologiche sfavorevoli e in seguito ai rilasci delle dighe disposti da Enel, il Consorzio 2 Alto Valdarno, questa mattina, ha finalmente schierato uomini e mezzi per liberare il fiume da alberature pericolanti che ne minacciavano la sicurezza idraulica.

A Rignano sull’Arno, l’ente,  impegnato nell’attività di manutenzione dell’asta fluviale, infatti, ha dovuto trovare una soluzione articolata, originale e spettacolare, abbinando le lavorazioni tradizionali all’impego di personale specializzato in arrampicate sugli alberi e all’utilizzo di piccoli natanti per il recupero e il trasporto del materiale legnoso caduto in acqua.

“In questo tratto del fiume erano presenti  alberature in stato avanzato di età, molto alte, con evidenti segni di deperimento, come si può vedere dai tronchi tagliati, alcuni dei quali interessati da importanti fenomeni di marcescenza. Il consorzio ha deciso di abbattere gli esemplari ritenuti più pericolosi”, spiega l’ingegner Beatrice Lanusini, referente di area del settore difesa Idrogeologica dell’Alto Valdarno. E aggiunge: “Questo intervento rientra tra i tanti programmati progressivamente dall’ente, in tutto il comprensorio, per mitigare il rischio connesso alla presenza di alberature pericolanti, localizzate in prossimità dei corsi d’acqua: soggetti che, in caso di eventi meteorologici avversi, potrebbero  impedire il regolare deflusso idraulico. In questo tratto abbiamo dovuto valutare e studiare  modalità operative particolari per eliminare le piante, alcune   ripiegate all’interno dell’alveo e altre ubicate nella parte più impervia e quindi non raggiungibile con i mezzi tradizionali. La soluzione è stata di alleggerire  le alberature  con lavorazioni in quota mediante l’impiego di operai forestali altamente specializzati e di prevedere il recupero immediato del materiale legnoso caduto in acqua con l’utilizzo di piccoli natanti. Anche la programmazione dell’intervento è stata tutt’altro che semplice: abbiamo dovuto attendere  condizioni meteorologiche accettabili,   per poter affrontare la scalata delle piante; tenere sotto controllo le portate del fiume Arno e i rilasci delle dighe a monte per far scendere in acqua i natanti; lasciare asciugare il terreno per evitare di danneggiare le aree oggetto delle lavorazioni. Insomma, si è reso necessario armonizzare tutte le variabili, per poter pianificare l’operazione nel momento migliore in piena sicurezza per il personale impiegato e per l’ambiente”

“Qui più che altrove è evidente la complessità di competenze, esperienze e capacità che sono richieste al Consorzio per mitigare il rischio idraulico e difendere il territorio dagli allagamenti”, commenta la Presidente Serena Stefani. “Dietro ad ogni attività c’è uno studio accurato e un’attenzione altissima per riuscire a coniugare sempre e comunque la sicurezza con il rispetto e la tutela dell’ambiente. Un impegno al quale l’ente non abdica neppure quando le situazioni sono particolarmente complesse”.

I lavori

Valdarno Casentino Valtiberina e Marecchia Foglia Arezzo Valdichiana

CIVISCHIANA

Previsioni Meteo

ANBI

ANBI Toscana

Consorzio 2 Alto Valdarno via E. Rossi 2/L - Arezzo (AR) 52100 - CF. 02177170517 - Telefono: +39 0575 190 02 - Fax: +39 190 02 99
Email: [email protected] - Web: http://www.cbaltovaldarno.it

Powered by Arezzo Telematica spa