ARNO: RESTYLING A 360 GRADI

30 ottobre 2019

CB2 all’opera per la manutenzione ordinaria e straordinaria del fiume in Valdarno Serena Stefani (Presidente CB2): “Un impegno eccezionale per ripristinare il corretto deflusso delle acque e tenere sotto controllo le opere, con la massima attenzione all’ambiente: nel 2019 l’obiettivo è mitigare il rischio idraulico salvaguardando la biodiversità”

Macchine e uomini sono e restano all’opera in tutta la vallata dove sono in corso, e in molti casi si stanno concludendo, gli interventi di manutenzione ordinaria programmati per il 2019 dal Consorzio 2 Alto Valdarno, con l’ok della Regione Toscana. Oltre 1 milione di euro investiti nello sfalcio della vegetazione, nel taglio selettivo delle piante e in piccoli interventi di ripresa delle opere: suddivisi in una decina di lotti funzionali, ciascuno dei quali di importo superiore ai 100.000 euro, hanno  interessato e stanno ancora interessando i principali affluenti di destra e di sinistra dell’Arno, con particolare attenzione ai tratti che attraversano il territorio più intensamente urbanizzato e popolato.

Ma il 2019 sarà davvero l’anno dell’Arno. Oltre alla manutenzione consueta,   infatti, sull’asta principale del fiume, sono pronti a decollare gli annunciati interventi straordinari, che interesseranno il tratto  compreso tra i due ponti di San Giovanni Valdarno: l’operazione che supera il milione di euro è finanziata in gran parte dalla Regione Toscana e serve per rimettere in forma le arginature leopoldine.

 “L’intervento, condiviso dal Consorzio con l’amministrazione comunale e molto atteso dai cittadini – spiega l’ing. Beatrice Lanusini del settore Difesa Idrogeologica del CB2 -, prevede il consolidamento della sponda destra e i lavori in alveo per rettificare il corso d’acqua e frenare i fenomeni di erosione che interessano le sponde”.

E non finisce qui. Il 2019 sarà anche l’anno degli interventi “eccezionali”.

“Il Consorzio realizzerà tagli selettivi ad hoc in aree dove la vegetazione non veniva toccata da oltre mezzo secolo”, aggiunge l’ing. Lanusini.  I lavori, in gran parte finanziati dalla Regione Toscana (con le risorse messe a disposizione dall’accordo Stato Regioni del 2010) e realizzati sotto la supervisione del Presidente Enrico Rossi, nel ruolo di commissario straordinario di Governo, interesseranno, oltre al Tevere, tutta l’asta dell’Arno dal Casentino al confine con   Firenze.

“In Valdarno il cosiddetto “piano tagli” coinvolgerà il fiume nei  comuni di Laterina Pergine Valdarno, Montevarchi, San Giovanni Valdarno, Terranuova Bracciolini, nel versante aretino; Figline Incisa Valdarno, Reggello, Rignano sull’Arno, nell’area fiorentina. Nel giro di pochi mesi sarà rimossa la vegetazione che, sulla bassa sponda e sul fondo dell’alveo, va ad ostacolare il deflusso idraulico, in modo da ripristinare le corrette  condizioni di scorrimento dell’acqua. Contemporaneamente si agirà sulle  arginature: la rimozione della vegetazione, che oggi le riveste completamente, consentirà un controllo dello stato di manutenzione delle stesse e la possibilità di programmare, successivamente, tutti gli interventi necessari per la loro salvaguardia. Infine si andrà ad intervenire sulle barre sedimentate presenti nell’alveo, secondo un fenomeno caratteristico del fondovalle, dove l’Arno ha la tendenza a scavare nei propri sedimenti fino ad assumere una configurazione sinuosa che provoca erosioni su entrambe le sponde. Con la rimozione della vegetazione consolidata,  i sedimenti,   durante il passaggio delle piene, tenderanno a mettersi in movimento in modo naturale, consentendo al fiume di riprendere il suo corretto corso”, conclude l’ingegnere.

 “Suddivisi in più lotti funzionali per un totale oltre  1 milione di euro (la metà di quelli previsti nell’intero comprensorio dove sarà investita complessivamente una cifra superiore ai  2 milioni di euro), i lavori saranno  realizzati da ditte specializzate già selezionate dal Consorzio e con la consulenza di  esperti. L’obiettivo infatti è di mitigare il rischio salvaguardando la biodiversità dell’habitat fluviale: un patrimonio da difendere con grande attenzione”, commenta la Presidente del CB2 Serena Stefani. E aggiunge: “Quest’anno sarà strategico per migliorare la funzionalità idraulica e restituire  maggiore fruibilità all’Arno: fiume simbolo di questa vallata, che, una volta sottoposto a un restyling tanto importante, tornerà ad essere anche luogo di socialità ed elemento  di attrazione e richiamo turistico”.  

I lavori

Valdarno Casentino Valtiberina e Marecchia Foglia Arezzo Valdichiana

CIVISCHIANA

Previsioni Meteo

ANBI

ANBI Toscana

Consorzio 2 Alto Valdarno via E. Rossi 2/L - Arezzo (AR) 52100 - CF. 02177170517 - Telefono: +39 0575 190 02 - Fax: +39 190 02 99
Email: consorzio2altovaldarno@cbaltovaldarno.it - Web: http://www.cbaltovaldarno.it

Powered by Arezzo Telematica spa