SICUREZZA ARNO: SERVONO 2.000.000 DI EURO

29 gennaio 2019

Consorzio e Comune chiedono le risorse alla Regione Il Sindaco Viligiardi: “Finalmente un progetto importante e tanto atteso per il tratto urbano dell'Arno” Il Presidente Tamburini: “Con questo intervento, si dà solidità al ponte e si ripristinano grandi e preoccupanti erosioni”

Collezionati tutti i pareri necessari, adesso il progetto,  destinato a ridisegnare l’aspetto dell’Arno, nel tratto   che attraversa  San Giovanni Valdarno, è pronto.

Così Consorzio e Comune, insieme, hanno bussato alle porte della Regione per chiedere l’inserimento dell’opera nel Documento Operativo per la Difesa del Suolo e ottenere, così,  i soldi indispensabili per la sua realizzazione. La buona notizia? Pur in mancanza di atti formali, la Regione Toscana ha assicurato l'inserimento del progetto nel DODS 2019 e quindi la sua finanziabilità.

Se così fosse, arriveranno  i soldi necessari per realizzare l'intervento per la messa in sicurezza idraulica di un’ampia area urbanizzata; restituire solidità a uno dei principali ponti di collegamento al centro urbano; riqualificare sul piano ambientale un’area che, con le sue caratteristiche,  rappresenta un autentico vulnus per l’intera vallata. 

Lo conferma lo studio storico-fotografico del fiume da cui risulta evidente un fenomeno preoccupante: nell’attraversamento del centro abitato della città di Masaccio, l’alveo del fiume sta avanzando progressivamente verso destra e, in questa avanzata, va ad erodere  la sponda.

Lungo l’arginatura maestra tra il ponte Ipazia d’Alessandra e il ponte Pertini, in destra idraulica,  infatti, l’Arno è interessato da cedimenti che arrivano   a minare   la stabilità della staccionata che delimita il parco urbano ed il problema è tutt’altro che sotto controllo: secondo i tecnici infatti si tratta di un processo progressivo e irreversibile che, con il tempo, potrebbe ulteriormente accentuarsi.

Non solo. Le pile di sostegno del ponte Ipazia d’Alessandria, trait d’union tra     la SP7 Lungarno - Fratelli Cervi e la Strada regionale 69 – Lungarno Giovanni Minzoni, si presentano già intensamente escavate dall’azione erosiva dell’acqua e richiedono un intervento di manutenzione straordinaria che ne migliori la stabilità strutturale.

Per ultimo, lungo le sponde e gli argini, è presente una significativa quantità di alberature che deve essere quanto prima sottoposta a un importante taglio selettivo.

Verificati i problemi e le necessità, il Consorzio 2 Alto Valdarno, con il supporto del Genio Civile, ha messo a punto la soluzione completa e articolata  che prevede, oltre alla realizzazione di opere di difesa idraulica,  il consolidamento delle pile del ponte Ipazia e un intervento di riqualificazione ambientale.

La prima mossa sarà effettuata, in destra idraulica, per frenare l’erosione. Qui è prevista la creazione di una protezione spondale con la realizzazione di una scogliera a muro in massi ciclopici, che si svilupperà per circa 700 metri, dall’immissione del borro delle Ville fino al ponte Pertini. L’inserimento del manufatto sarà mitigato, nel tratto piano, con la piantumazione di cespugli che serviranno a stabilizzare la sponda oltre che a rendere più gradevole l’effetto complessivo. Il materiale di riempimento della scogliera e quello necessario per le opere accessorie sarà ricavato direttamente dall’alveo dell’Arno. Tra i due ponti,  la sistemazione fluviale sarà completata con una rettifica dell’alveo di magra del fiume che avrà larghezza variabile dai 30 ai 40 metri, da cui saranno asportati arbusti e ceppaie. Per rallentare la forza erosiva dell’acqua, infine, è previsto l’inserimento di altre opere idrauliche: 5 pennelli trasversali che distano circa 100 metri l’uno dall’altro, la cui funzione è quella di consolidare la sponda interessata dalla scogliera.

La seconda parte fondamentale del progetto prevede la manutenzione straordinaria delle pile portanti del ponte Ipazia di Alessandria. Le pile, una volta ripulite, saranno circondate con una corona di micropali riempita con massi ciclopici, non saldati, per “assecondare” l’Arno. In questo modo infatti la scogliera potrà adattarsi ai movimenti del fondo dell’alveo, riempirsi di materiale fine, trasportato naturalmente dal corso d’acqua, ed evitare che la protezione rigidamente collegata sia  soggetta a rottura e a scalzamento, come già avvenuto con quella attuale.

A valle delle pile, sarà realizzata una soglia in massi ciclopici con la funzione di stabilizzare la quota del fondo alveo e prevenire l’erosione.

Se l’obiettivo principale resta la sicurezza, altrettanto importante è la riqualificazione ambientale che la manutenzione straordinaria del fiume si porta al seguito.

La  fruibilità del tratto dell’Arno in sponda destra sarà migliorata con il collegamento della pista ciclabile esistente, che corre lungo la staccionata di protezione del parco urbano, con quella esistente che procede sotto il ponte Pertini, attraverso  rampe di salita e discesa, posizionate nei pressi del parcheggio Las Vegas. Un sistema di mobilità alternativa che, in futuro, potrà andare a congiungersi con la pista ciclabile che il comune sta progettando nel Lungarno Fratelli Cervi.

Il complesso intervento si concluderà con la riqualificazione ambientale dell’area, con la piantumazione di nuovi arbusti al ciglio di sponda; il rinverdimento della scogliera esistente con talee di salice e l’estensione del parco urbano verso il Borro delle Ville   “Questo progetto ambizioso che ci auguriamo possa essere ammesso a finanziamento in tempi stretti darà una risposta importante alla città di San Giovanni Valdarno, in termini di sicurezza idraulica, ma anche di fruibilità e vivibilità del fiume. I cittadini, che già utilizzano il parco urbano, a lavori conclusi, avranno a disposizione un’area verde importante e ben strutturata, una sorta di oasi ambientale che, ritagliata in un ambiente urbano, può tradursi in un  importante richiamo anche per i visitatori e i turisti. Il nostro compito è proprio questo: regimare al meglio le acque valorizzando il territorio e le sue attività ”, ha spiegato il Presidente del Consorzio Alto Valdarno, Paolo Tamburini, ricordando anche l’intervento appena ultimato sulle barre del fiume, che certo darà un prezioso contributo al migliore deflusso delle acque.

“Presentiamo oggi un progetto atteso da molti anni che risponde a diverse esigenze legate alla sicurezza del tratto urbano del fiume Arno e ad esigenze di natura estetica. La situazione della sponda destra del fiume tra Ponte Ipazia e Ponte Pertini mette a riparo da fenomeni di erosione che, soprattutto negli ultimi anni, hanno messo a rischio la fruibilità dei giardini su Lungarno 7 Fratelli Cervi e il parcheggio della piscina Las Vegas”, ha dichiarato il Sindaco di San Giovanni Valdarno, Maurizio Viligiardi.

I lavori

Valdarno Casentino Valtiberina e Marecchia Foglia Arezzo Valdichiana

CIVISCHIANA

Previsioni Meteo

ANBI

ANBI Toscana

Italia sicura

Consorzio 2 Alto Valdarno via E. Rossi 2/L - Arezzo (AR) 52100 - CF. 02177170517 - Telefono: +39 0575 190 02 - Fax: +39 190 02 99
Email: consorzio2altovaldarno@cbaltovaldarno.it - Web: http://www.cbaltovaldarno.it

Powered by Arezzo Telematica spa