SCATTA IL “SOCCORSO” IRRIGUO

17 aprile 2018

Centinaia di aziende agricole della Valdichiana e dell’Aretino possono usufruire del servizio gestito dal CB2 Per la prima volta è possibile risparmiare tempo e denaro presentando le domande on line. Confermata l'assistenza h 24

Archiviato definitivamente (almeno sembra!) l’inverno, si guarda all’estate ormai alle porte.

La stagione si annuncia  ancora una volta rovente, povera di piogge e comunque caratterizzata da situazioni estreme, come ormai avviene da diversi anni: c’è da aspettarsi una sorta di bis del 2017, quando l’agricoltura del comprensorio è stata letteralmente “salvata” dai  2 milioni di metri cubi di acqua,  distribuiti  dal Consorzio di Bonifica 2 Alto Valdarno,  che hanno permesso alle colture della zona (in particolare fruttiferi, ortive e mais) di sopravvivere alla grande siccità. A un anno di distanza, l’ente consortile è di nuovo in pista!

Dal 16 aprile infatti si è aperta la nuova campagna irrigua.

Per “dissetare” i campi che si sviluppano sugli oltre 3.500 ha di terreno all’interno dei quattro distretti (1, 21, 7 in provincia di Arezzo e 42-43 in terra senese),  affidati dalla Regione al CB2, gli operatori  possono   farsi avanti e chiedere di utilizzare, da maggio a settembre, la risorsa della Diga di Montedoglio, distribuita alle aziende dalle reti gestite dal Consorzio: km di tubi e condotte che attualmente servono circa 200 utenze e poco meno di 1.000 ha di terreni, ma che potrebbero dare una risposta a un numero molto più alto di aziende agricole.

Con una novità. Per la prima volta,  la richiesta di  fornitura di acqua ad uso irriguo sarà presentata on line, in modo più pratico e veloce. Niente viaggi, anticamere e burocrazia inutile: sul sito del Consorzio (www.cbaltovaldarno.it) è pubblicato il database che consente l’accredito con procedura on line. Per farlo, gli utenti, che hanno già utilizzato il servizio nel 2017, useranno le credenziali inviate al loro indirizzo per posta prioritaria o pec. I nuovi utenti invece si dovranno registrare, inserendo un indirizzo mail dove riceveranno le chiavi di accesso generate in modo automatico.

Nessuna variazione invece per i dati richiesti, da inserire seguendo un percorso facilitato. Per chi ha poca dimestichezza con i sistemi digitali? Nessun problema. Le organizzazioni agricole, che hanno condiviso il percorso con l’ente consortile,  sono a disposizione per la compilazione delle pratiche.

Non ci sono sorprese sul fronte delle tariffe che prevedono, un rimborso fisso di 100 euro per ettaro irrigato e un rimborso per l’acqua effettivamente utilizzata  (fino a 1.500 mc/ha € 0,115/mc; da 1.500 a 3.500 mc/ha € 0,135/mc; oltre 3.500 mc/ha € 0,15/mc).

 “La scelta del Consorzio – spiega il Presidente Paolo Tamburini – resta  di favorire l’uso dell’irrigazione, ma anche un consumo  corretto e consapevole della risorsa, scoraggiando i fenomeni di spreco che, purtroppo, sono ancora diffusi”.

La digitalizzazione delle domande è solo l’ultimo tassello di un percorso di modernizzazione che ha attraversato tutto il servizio: il sistema di distribuzione di acqua irrigua, gestito dal CB2, infatti,  può contare sulla presenza di centraline elettroniche e un meccanismo di telecontrollo che consente di monitorare a distanza i parametri idraulici delle reti e, in caso di necessità, di intervenire da remoto per risolvere problemi tecnici e di funzionamento.

“Fondamentale comunque – commenta il Presidente Tamburini - resta  il controllo “umano”. I nostri operatori hanno il compito, al momento del rilascio delle concessioni, di verificare i dati dichiarati dall’utente; nel corso della campagna irrigua di monitorare un corretto utilizzo della risorsa e, soprattutto – ed è questo il fiore all’occhiello del servizio -, di fornire un’assistenza continua 24 h su 24 (cell. 335 8758306) alle imprese e non lasciare a secco le colture. A completare l’offerta, c’è la disponibilità di  acqua di grande qualità, indispensabile per un’agricoltura di qualità, e una buona quantità di risorsa che, fino ad oggi, ha consentito un’irrigazione libera senza mai la necessità di ricorrere alla turnazione”.

Il CB2 non si ferma qui. Nel cassetto, infatti, ha un progetto ambizioso: riuscire ad attivare   la rete di distribuzione su 600 ha di terreno, dei 1.600 che compongono il Distretto 21, dove non è stato ancora avviato l’esercizio irriguo.

“Considerando le bizzarrie meteorologiche, con estati sempre più calde e siccitose – conclude il Presidente Tamburini –, l’irrigazione diventa uno strumento indispensabile per garantire la sopravvivenza e lo sviluppo delle produzioni agricole.  Ampliare la fornitura  di acqua dell’invaso alle imprese del territorio, significa garantire la sicurezza ambientale e, nello stesso tempo, valorizzare le  eccellenze dell’agricoltura senese e aretina”.

I lavori

Valdarno Casentino Valtiberina e Marecchia Foglia Arezzo Valdichiana

Terra@Acqua

Galleria Immagini

Previsioni Meteo

ANBI

ANBI Toscana

Italia sicura

CIVISCHIANA

Consorzio 2 Alto Valdarno via E. Rossi 2/L - Arezzo (AR) 52100 - CF. 02177170517 - Telefono: +39 0575 190 02 - Fax: +39 190 02 99
Email: consorzio2altovaldarno@cbaltovaldarno.it - Web: http://www.cbaltovaldarno.it

Powered by Arezzo Telematica spa